Archive for dicembre 2007

h1

I Conservatori torneranno da Thompson

dicembre 28, 2007

Sebbene nei sondaggi ora Fred sia al quinto posto, le cose sono ancora tutte da vedere.

Secondo il blogger Land of Da Free,

Fred Thompson ha la piu’ alta quota di attitudine favorevole a lui in Iowa.

Fred Thompson is viewed favorably by 77% of likely Iowa Republican Caucus goers according to Rasmussen’s latest Iowa Polling (Dec 19). That is the highest favorable rating of any Republican candidate. Romney’s favorability rating is at 73%, Huckabee 67%, McCain 63% and Giuliani 58%.

É anche il secondo nella lista dei votanti repubblicani in Iowa.

“Among those who say there’s a good chance they could change their mind, Thompson and Huckabee top the second choice list” according to Rasmussen.

Sempre piu’ repubblicani lo vedono come vero Conservatore

In a Rasmussen Poll of 800 likely voters December 10 – December 18, 50% of Republicans view Fred Thompson as conservative. Trailing Thompson is Huckabee, who is viewed as conservative by 43% of Republican voters, compared to 41% of voters who view him as moderate or liberal (a 15% increase from the last poll)

Ha la quota piu’ alta di pareri favorevoli a vederlo come Candidato Nazionale

The Rasmussen Reports daily Presidential Tracking Poll shows that Thompson is viewed favorably by 67% of Republican voters. McCain and Giuliani are viewed favorably by 65%, Huckabee by 64%, and Romney by only 59%.

Annunci
h1

Kristol: Thompson and McCain Should Go Presidential

dicembre 12, 2007

December 11, 2007 • By William Kristol

Poor Mitt Romney. He’s a serious guy, with an impressive grasp of complicated issues. He wants to be president, presumably, to accomplish big things. And now he’s reduced to trying to fend off Mike Huckabee in Iowa with an ad highlighting a trivial pseudo-difference on a tiny aspect of their respective gubernatorial records, on the question of what benefits states should provide or deny to the kids of illegal immigrants.

The ad (every word of which is obviously and clunkily a product of polling and focus-grouping) may hurt Huckabee – though I’m doubtful Christian conservatives will necessarily rally to a guy who’s so proud he denied kids of illegal immigrants who attended public high schools in the state the opportunity to go to state colleges. But it sure makes Romney look small. Meanwhile, Giuliani’s shrinking, and Huckabee hasn’t exactly articulated a national vision.

This gives John McCain and Fred Thompson a big opportunity. In tomorrow’s debate, they can go presidential. They can draw a contrast with the squabbling governors and mayor next to them on stage. It is, after all, a wartime election, even if voters occasionally forget it. There are, after all, big domestic issues at stake, like entitlement reform and the courts. Thompson and McCain are lagging in the polls, but they are (now more than ever, ironically) the most presidential candidates in the race. Can one of them pull off an upset by refusing to pander and to squabble, by refusing to stoop to (try to) conquer?

h1

Giuliani e Romney lottano con Huckabee alla finestra

dicembre 6, 2007

Riporto di seguito l’articolo di Lino Mannocchia da News Italia Press:

New York – La morsa di freddo glaciale, la neve ed il ghiaccio che colpiscono metà del Nord America non frenano la determinazione dei candidati democratici e repubblicani impegnati a illustrare, sempre più, la loro posizione politica che dovrebbe lanciarli nelle alte sfere presidenziali.
Anche l’atto inconsulto dell’alienato cittadino del New Hampshire, che sabato si presentò nell’ufficio stampa della senatrice Hillary Clinton, indossando una carica esplosiva -risultata innoqua- con l’intenzione di parlare con la candidata democratica, assente, e per sei ore tenne occupati dozzine di agenti giunti dai vari centri viciniori, per poi arrendersi, non ha mutato l’atmosfera elettorale.

E’ stato più interessante, invece, l’uragano di ‘poll’ scatenato dai più impensati giornali ed Internet i quali, all’ultima ora, danno in testa Barack Obama con 28 punti su Hillary (25) ed Edward (23) e dall?altro campo l’ex governatore dell’Arkensas Mike Huchabee primo con 29 punti, seguito da Mitt Rodney (24) e Rudy Giuliani (13). La fluida situazione va incontro al solito margine d’errore del 4,4% pertanto la classifica di testa marcia sulla parita.
L’italo americano è stato il piu affaccendato nel tentativo di respingere e chiarire il capo di accusa che lo vede soggetto di abuso di somme ingenti usate per la protezione che spetta al Sindaco, e agli altri personaggi direttivi. Il candidato newyorkese avrebbe abusato però spendendo oltre che per la protezione personale, anche quella della moglie attuale e nel contempo della fidanzata del Southampton (Long Island). Quasi non bastasse, alcuni agenti hanno riferito che molto spesso erano adibiti anche a far passeggiare i cani del Sindaco e della fidanzata. Come abbiamo già rivelato, l’ultimo ex Commissioner di Polizia, figura alquanto grigia e soggetta ad inchieste, resta ancora l’ombra negativa dell’italo americano.

Anche l’aiuto (celebrità-finanziaria) di personaggi di Hollywood, Tv ed altro, come l’attrice-cantante Barbara Straisen o Hopry Hunprey, la nota presentatrice Tv di colore e tanti altri, ora viene a galla e da spago alle critiche e commenti, pur sapendo che, è risaputo, quell’appoggio non ha sempre dato i frutti sperati.

GIULIANI CONTRO ROMNEY
Ma se Giuliani nicchia, Mitt Romney non sorride. Dopo circa un anno di cavalcate pubblicitarie nello Iowa e New Hampshire, l’ex governatore ora affronta due sfidanti di destra (Mike Huckabee-Fred Thompson) ed uno di sinistra Rudy Giuliani. E, pressato da ambo i lati e fa acqua di voti. Si ricorda il dibattito di St Petersburgh (Florida) allorchè Mitt massacrò l’italoamericano sulla questione dell’immigrazione illegale che fece raccogliere punti di vantaggio a Huckabee,il quale, a parte qualche scossa, rimane serenamente in testa quale alternativa di Giuliani, per i social- conservativi. E non è Mormone. Molti republicani rimangono pensierosi pensando che nominando un mormone, offrirebbero l’elezione presidenziale ai democratici. Romney è additato come un flip-flop per l’aborto, per la sua politica evasiva e la non attendibilità a proposito dei diritti dei gay, e se ancora resta leggermente a galla su Giuliani lo deve ai milioni spesi a piene mani negli ultimi mesi. E’ opinione generale che Romney , in cerca di un ombrello capace di proteggerlo dalla pioggia politica battente, se non vince nello Iowa, può considerarsi finito.
Dal canto suo. Giuliani resta un enigma. Non si capisce perchè, come avemmo a dire, l’ex Sindaco non spende per la propaganda, pur avendo fondi in abbondanza.Comunque, pur perdendo in ambedue gli Stati, ma restando egualmente in campo lottando senza soste, grazie alla sua notorietà nazionale, Rudy, al pari di Hillary Clinton, non potrà andare K.O. all’inizio del duro combattimento.

h1

Ultime notizie

dicembre 6, 2007

Non ho piu’ aggiornato il sito perché ero in viaggio e poi perché é alquanto difficile trovare notizie su Fred, visto che i media non gli danno molta evidenza., preferendo candidati meno conservatori come Giuliani o , l’ultimo arrivato, Huckabee.

I sondaggi lo danno al quarto posto dopo Giuliani, Huckabee, McCain.

Secondo il blog Conservative Superiority, é appunto il trattamento riservatogli dai media repubblicani “liberali” a sfavorirlo sebbene nell’ultimo dibattito abbia avutoun’ottima performance.

C’é anche da leggere l’articolo di Rush Limbaugh a proposito dell’ultimo dibattito e del fatto che tutti i candidati repubblicani, tranne Thompson, sono dei moderati.